6 novembre 2016 - 12:57

Tempo di lettura:

Pubblicato più di un anno fa

Aborto, eutanasia, test genetici, uso delle cellule staminali: sono le grandi questioni della bioetica. Gli studenti delle classi 3aD, 4aH, 5aH e 5aD ne discuteranno mercoledì 9 novembre 2016 con Luisa Ferrari e Norma Trezzi, autrici del saggio "Questioni di bioetica. Metodologie didattiche e strumenti", pubblicato nel 2015 dall'editore Ananke lab.

L'incontro tra le due professoresse e gli studenti avverrà nell'aula magna "Nazario Erbetta" dalle 10:00 alle 12:00 e sarà suddiviso in due parti. La prima, guidata da Luisa Ferrari, ha come scopo la chiarificazione delle parole chiave (autodeterminazione, coscienza, dignità, qualità della vita) della bioetica, spesso utilizzate in maniera approssimativa e confusa. La seconda parte, guidata da Norma Trezzi, si concentrerà sul tema dei test genetici: saranno così coinvolte discipline come la biologia molecolare, la filosofia e il diritto. In questo modo sarà messa in luce la necessaria interdisciplinarietà della bioetica.

L'iniziativa rientra nell'ambito del progetto "Bookcity 2016". In particolare l'attività di "Conversazioni bioetiche" intende avvicinare le classi del triennio degli istituti superiori alla bioetica. All'incontro è legato un concorso promosso dalla casa editrice Ananke lab. Gli studenti, singolarmente o a gruppi, potranno individuare un tema bioetico a scelta e, con l'ausilio degli strumenti forniti dalle relatrici e dal loro libro "Questioni di bioetica", stilare un saggio che presenti le diverse questioni sollevate. Nel mese di febbraio saranno valutati i saggi e premiati i tre migliori: il primo sarà pubblicato sulla piattaforma Yeerida (sito di lettura in streaming) e la scuola riceverà 10 titoli del catalogo di Ananke lab; il secondo riceverà 10 titoli del catalogo di Ananke lab; il terzo riceverà 5 titoli del catalogo di Ananke lab. La premiazione è prevista durante il Salone Internazionale del Libro 2017.

Luisa Ferrari è nata a Ivrea, dove ha frequentato il liceo classico. Si è laureata in Filosofia presso l'Università Statale di Milano; ha conseguito rutte le abilitazioni per l'insegnamento nella scuola secondaria superiore. Ha insegnato Lettere e Filosofia. Si occupa di bioetica dal 2009, promuovendo seminari, conferenze e corsi di eccellenza per avvicinare gli srudenti alle grandi tematiche etico/scientifiche della contemporaneità. Nel 20 I 4 ha pubblicato come coautrice per la SEI una antologia di Letteratura per il biennio del liceo, dal titolo Leggere senza fine. È membro del Direttivo della Consulta di Bioetica onlus.

Norma Trezzi è insegnante di Scienze nella scuola secondaria superiore dove ha realizzato progetti interdisciplinari di Bioetica, ha partecipato al Corso di perfezionamento in Bioetica presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Membro del Direttivo della Consulta di Bioetica, docente guida presso il CUSMIBIO, tiene il Corso di "Cittadinanza eticamente attiva e biomedicina. Modelli di didattica integrata" organizzato dall'Ufficio scolastico regionale della Lombardia. Nel 2014 ha scritto le schede di bioetica del testo "Biotecnologie" di Zanichelli.